Equilibrio Acido Base e Benessere generale

L’acidosi Tissutale

Organismo ed energia.

Le cellule del nostro corpo ricavano l’energia dalla nutrizione. L’energia è fondamentale per tutte lo svolgimento di tutte le attività quotidiane (camminare , pensare, parlare ecc.). Ogni organo o muscolo deve ricevere energia per poter funzionare correttamente. Il metabolismo dei grassi, dei carboidrati e delle proteine, insieme all’ ossigeno, assumono un ruolo fondamentale nella produzione di energia. Per contro questo metabolismo energetico,  genera un accumulo di scorie metaboliche che vengono eliminate attraverso l’intestino, i reni, la pelle ed i polmoni. La maggior parte di queste sono acide e necessitano di un’adeguata neutralizzazione per poter essere eliminate. La carenza di ossigeno induce un accumulo di scorie acide, come ad esempio avviene con l’acido lattico nei muscoli, dopo sforzi muscolari intensi. Poiché il nostro organismo non sintetizza minerali e vitamine autonomamente e queste sostanze son necessarie ai tessuti ed alle cellule per i processi metabolici essenziali, devono quindi essere assunte con l’alimentazione e allo stesso modo vanno integrati molti sali minerali utili alla neutralizzazione/eliminazione delle scorie metaboliche acide.

Equilibrio acido/base (alcalinità) e scorie Acide.

Equilibrio Acido Base

Il sangue degli esseri umani ha un valore di pH leggermente alcalino ed è fondamentale che il suo valore rimanga stabile.Provvedono a tale scopo le cosiddette sostanze tampone, in grado di neutralizzare l’acido eventualmente presente e mantenere il valore del pH del sangue costante. Gli acidi volatili, come l’acido carbonico, vengono eliminati sotto forma di anidride carbonica attraverso i polmoni: altri acidi vengono eliminati attraverso le urine. Questo equilibrio dipende molto dalla qualità dell’alimentazione e dalla capacità dell’organismo di eliminare sostanze acide. Se la quantità di scorie metaboliche acide è superiore a quella che l’organismo è in grado di neutralizzare/eliminare si verificherà un accumulo di sostanze acide che porterà, nel tempo, all’acidosi. Allo stesso tempo la carenza di sostanze basiche potrà portare all’ acidosi. Per ovviare a questo l’organismo deve attuare dispendiosi sistemi compensatori per controbilanciare lo squilibrio. Innanzi tutto il corpo deposita le scorie acide nel tessuto connettivo per poi rilasciarle ed eliminarle quando saranno nuovamente disponibili sali minerali basici nel sangue. Questo fenomeno si verifica praticamente quasi ogni giorno nel nostro organismo: abitudini alimentari, ormai diffuse nei paesi industrializzati, prevedono un elevato consumo di alimenti acidificanti, come ad esempio la carne, il pesce, il formaggio, i salumi, non compensato dall’assunzione di cibi altrettanto ricchi di minerali alcalinizzanti, come frutta e verdura. Altre cause dell’acidosi possono derivare da una scarsa ossigenazione dell’organismo e da una ridotta capacità di eliminazione delle scorie attraverso i reni. La vita sedentaria in ambienti chiusi non sempre permette un corretto apporto di ossigeno. Un apporto di liquidi insufficiente non permette un’adeguata eliminazione delle scorie acide attraverso i reni e la pelle (sudorazione). Le alterazioni della flora batterica intestinale influenzano ulteriormente lo stato di acidosi dell’organismo. La rigenerazione della flora intestinale può risultare agevolata dal recupero dell’equilibrio acido-base. La riduzione dello stress, dei processi infiammatori ed un controllo sull’assunzione di farmaci avranno un effetto decisamente positivo sul recupero delle funzioni dell’organismo.E’ necessaria l’assunzione quotidiana di liquidi, sottoforma di acqua o tisane, nella misura di almeno 1,5-2 litrilimitando il più possibile caffè, tè, ed alcolici. Una regolare attività fisica migliora l’apporto di ossigeno e promuove il rilascio di acido carbonico. Evitare, se possibile, situazioni che generano stress; agevolare l’eliminazione di acidi urici e scorie metaboliche acide con saune regolari, salvo controindicazioni mediche

 Sintomi e disturbi correlati all’acidosi:

Facile affaticabilità, crampi, mialgie, ernie, palpitazioni, anemie, ipertiroidismo, bulimia, diabete, sindromi gastroenteriche ( colon irritabile, diarrea, stitichezza), ansia, sbalzi d’umore, insonnia, irritabilità, tendenza alle allergie, dermatiti, iperidrosi, sindromi urogenitali, cistiti, dismenorrea, osteopenia, osteoporosi, algie osteoarticolari.

Lo sapevi che:

  • 4 pazienti su 5 soffrono di acidosi
  • Il limone nonostante sia acido presenta un forte grado alcalinizzante.
  • Un effetto dell’organismo per contrastare l’acidosi e il richiamo di calcio dalle ossa con conseguente rischio di  osteoporosi.

 

Valori acido/base di alcuni cibi

Tabella Acido BAse

Scopri i nostri integratori alcalinizzanti